Salumi Casalinghi Forum - il Forum dei Salumi fatti in Casa e della Norcineria Sperimentale

Salumi Casalinghi Forum - il Forum dei Salumi fatti in Casa e della Norcineria Sperimentale
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | DISCUSSIONI RECENTI | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 I NOSTRI SALUMI
 Attrezzature, Tecniche Particolari ed Ingredienti
 Tutto ciò che la terra offre
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

roberto-archontids
Utente


Stato: Italy
Reg.: Messina
Città: barcellona p g


152 Messaggi

Inserito il - 13 mar 2014 : 06:27:41  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La notte non dormo,preparo una recensione su alcune catene di super mercati e sulle scelte,a mio avviso illogiche che la gente attua
Olio
I marchi più blasonati,(Bertolli robusto)di media fascia offrono olii a dir loro evo spremuti a freddo a prezzi variabili da 2,50 euro ai 7euro
Il mio olio,ricavato sia da colture monovarietali che da miscele,costa a me spese vive 5,20 euro kg.tra cura dell'uliveto (premesso che durante la fase produttiva non irrigò e non utilizzo alcun fertilizzante)potatura,trattore,raccolta,trasporto olive e relativa spremitura.
La spremitura la affido all'unico vecchio frantoio ancora esistente nella mia zona,tutto antico niente pompe,niente archibugi strani...la proprietaria ogni anno appena arrivo cade in depressione
Unico difetto del frantoio il non poter eliminare completamente le tracce della precedente frangitura
Io da bravo maniaco,esigo di essere il primo ogni mattina,perché residui di olii provenienti da olive magari macchiate o troppo mature o trattate potrebbero alterare il mio nettare ...ma queste sono mie manie
Allora un Bertolli come può costare 3,50?cosa c'è dentro?
Premesso che il mio olio vecchio di due anni la vince 10 a 1 al suddetto e che le spese 5,20 non implicano tasse,imbottigliamento e ricarico del rivenditore...
Miele
La sorella della signora che chiede al macellaio la fettina mi raccomando magra,va al super market tutta figa nella sua pelliccia vantandosi di ambire al meglio
Ambrosoli mille fiori 250 gr 3,50 euro(14 euro kg)
Io non ho api,avevo preso alcune arnie di ape nera sicula,ma timoroso delle punture subite le ho cedute ad un mio caro amico che per hobby fa l'apicoltore al quale vado spesso a rompere le balle costringendolo a spostare arnie qua e la per avere essenze più particolari
Premesso che a mio modo di vedere le cose,un miele deve essere estratto manualmente ed a freddo(il calore fa si che sfumature e consistenza vadano perse)
Con i metodi tradizionali,utilizzando le vecchie centrifughe e spremendo la cera come si faceva una volta
Il mio amico è d'accordo con me sul fatto che alimentare le api con melasse varie (il miele è il loro nutrimento,se lo togliamo tutto come si alimenteranno?industrialmente viene prelevato e sostituito con melasse e zuccheri.trattamenti chimici?assolutamente no!!!
Meglio una produzione minore che una contaminata!!forse sono maniaco ma è così,meglio produrre meno e cedere a costi maggiori.qualcuno potrebbe dire c'è crisi...allora daremo il prodotto a gente pronta a comprendere il significato di bio
Ricordiamoci peró che alla signora l'ambrosoli 14 euro al kg andava bene,il mio a 10 e troppo caro,d'inverno diventa duro...bla bla

roberto-archontids
Utente


Stato: Italy
Prov.: Messina
Città: barcellona p g


152 Messaggi

Inserito il - 13 mar 2014 : 09:07:24  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Meditate gente
Siamo in un epoca dove sosteniamo di essere ciò che mangiamo ma le sofisticazioni alimentari la fanno da padrone

Modificato da - roberto-archontids in data 13 mar 2014 09:25:19
Torna all'inizio della Pagina

Alessandro
Amministratore


Stato: Italy
Prov.: Asti
Città: Asti


1542 Messaggi

Inserito il - 13 mar 2014 : 15:35:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il problema è che nella stragrande maggioranza dei casi non c'è la consapevolezza di ciò che si mangia/compra, poiuchè oramai tendiamo a voler comprare tutto sempre e a poco prezzo (o meglio, apparentemente poco)

Temo però che ci addentreremmo in un discorso lungo e contorto.


Per quanto concerne l'olio, c'è stato un interesante reportage su PRESADIRETTA (RAI3) qualche sera fa, in merito alle sofisticazioni: non che abbiano detto nulla di nuovo, per chi ne era già al corrente (cioè pochi "maniaci" come noi e qualche altro che fa qualche riflessione su ciò che compra), ma hanno finalmente portato all'attenzione di tutti il fatto che il prezzo di vendita finale di un "extravergine" è troppo basso.


Alessandro Morreale
Amministratore
Torna all'inizio della Pagina

roberto-archontids
Utente


Stato: Italy
Prov.: Messina
Città: barcellona p g


152 Messaggi

Inserito il - 13 mar 2014 : 16:22:16  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Molti si accontentano,nessuno che veda oltre le colorate etichette...che tristezza
Ieri sono stato in un centro commerciale della mia provincia,salumi con grandi nomi,anche dop,igp,ecc...leggendo la scheda sul retro noto che nonostante il "nome"gli ingredienti si discostano sempre più dai criteri imposti dal disciplinare
Banco macelleria con prezzi bassi,fila lunga,ma nessuno a chiedere al macellaio(ormai non sono più tali in quanto i tagli arrivano sotto vuoto disossati)cosa sto per mangiare e sopratutto cosa daró ai miei figli?da dove viene quella bistecca rosso fluo?
Ciliegina sulla torta mi reco in uno steak house,almeno così decantava l'insegna...entro 50 posti,muri in pietra (mi garba a dire il vero)accostamenti di colori molto raffinati e intriganti,tavoli apparecchiati quasi da cerimonia,niente tovaglie solo tovagliette usa e getta(volevo piangere)
In fondo alla sala noto il banco macelleria,mi avvicino e vengo accolto dallo chef (nonché proprietario)dó una rapida occhiata ma ho già capito tutto...
Mi siedo,premesso che le fondamentali di un locale devono essere 3:qualità,cortesia e pulizia,questo le ultime due le rispecchiava a pieno...
Antipasti ridicoli,150 gr tra salumi e formaggi(bassa fasci) accompagnati da un pane che sembrava cartone 15 euro,finalmente mi arriva la carne:
Degustazione carni,ottima coreografia ma purtroppo mi si insinua nel naso uno strano odore....non vi elenco tutto x ovvi motivi,ma posso dirvi che non vedevo l'ora di mangiare l'angus argentino marezzatura 5...mi sono trovato in bocca tutt'altra cosa
Gusto particolare,un mix di frigo e carne con le ore contate...
Locale pieno,prezzi alle stelle,questo mi fa capire quanto la gente sia ottusamente modaiola e non si renda conto di ciò che mangia

Modificato da - roberto-archontids in data 13 mar 2014 16:26:06
Torna all'inizio della Pagina

tafano
Utente


Stato: Italy
Prov.: Lucca
Città: lucca prov.


34 Messaggi

Inserito il - 13 mar 2014 : 16:47:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Come non quotarti.
Sono anni che sostengo queste cose.
I produttori si adeguano alla legge del mercato, abbattono i costi perché il consumatore vuole risparmiare.
La crisi, il costo della vita e per tutti gli sfizzi a cui siamo legati (telefonini,sky,premium, ecc...) ,in molti casi il tenore di vita si ripercuote sul risparmio della spesa alimentare.

I produttori per rietrare e guadagnare devono abbattere i costi di produzione; manodopera, acquistare tutte le materie a basso costo, spesso e volentieri contestano la merce per avere ulteriori sconti.
Le materie prime spesso arrivano dall'estero a basso costo, arrivano in Italia e diventano a tutti gli effetti prodotto nazionale e certificato.
Non si parla solo di olive che provengo dalla Grecia,Portogallo,Spagna, Tunisia ecc...... o di miele che viene dalla Cina, ma su buona parte dei prodotti alimentari e non.

Il mercato europeo prevede cose assurde, dobbiamo mangiare aranci Spagnoli, pomodori Francesi o Olandesi e i nostri devono essere sotterrati.

Amimali che provengono dall'estero a basso costo, alimentati con ormoni e chissa con quali altre schifezze, parlo di Bovini,ovini,pollame,suini.
Molte mezzene di maiale arrivano dal nord europa, arrivano in Italia, vengono lavorati, stanno qualche giono sotto sale,stufati e stagionati e vengono rivenduti come prosciutto di Parma.

La politica Italiana non sostiene il prodotto nazionale e i produttori, i nostri rappresentanti in Europa sono sterili, mentre quelli che siedono a Roma, Regioni, Province e Comuni pensano solo ai loro interessi e non si rendono conto che stanno rovinando la Nazione, trascurano tradizioni, cultura.
Il Italia regna burocrazia,menefreghismo e ignoranza in tutte le istituzioni, chi vuole creare un'impresa o qualcosa di utile, invece di essere favorirlo viene ostacolato.

Torna all'inizio della Pagina

roberto-archontids
Utente


Stato: Italy
Prov.: Messina
Città: barcellona p g


152 Messaggi

Inserito il - 13 mar 2014 : 17:08:57  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Pienamente d'accordo con te!!!i giardini vicino casa mia pieni di agrumi...nessuno li raccoglie perché arance e limoni vengono pagate a 10/12 cent.kg
Poi vedo la gente che va a comprarsi arance spagnole super trattate,tirate a lucido come una fuori serie a 2 euro al kg!!!
Spedivo blitz di agrumi in nord Italia ad alcuni gruppi di acquisto,non ci guadagnavo nulla...ma la soddisfazione di sentirsi dire:"mai mangiata roba del genere"...non ha prezzo
Torna all'inizio della Pagina

lagunare
SAC Esperto


Stato: France


68 Messaggi

Inserito il - 18 mar 2014 : 09:44:51  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Roberto, il tuo discorso non fa una piega e si collega un po' ad un post di Paolo (mi pare) in cui si diceva che ormai la gente ha il palato ASSUEFATTO dai prodotti industriali. Questo processo porta addirittura la gente a scartare i prodotti di VERA OTTIMA qualità perché non corrispondono ai soliti gusti recepiti dal nostro palato dai prodotti industriali.
Io sono convinto che la nostra generazione debba fare uno sforzo incredibile per riportare in auge i VERI prodotti... noi abbiamo ancora avuto la fortuna di assaporare dei prodotti GENUINI (io nella mia infanzia/adolescenza), i nostri palati se li ricordano questi prodotti, ragion per cui dobbiamo fare il massimo per dare luce a questi prodotti e farli recepire alle nuove generazioni, affinché a loro volta possano tramandare alle generazioni future. Purtroppo resterà sempre un MERCATO di nicchia, ma non dobbiamo assolutamente farlo morire. Io nel mio piccolo cerco di veicolare i miei soldi nelle produzioni che mi paiono avvicinarsi il più possibile ad un prodotto di buona qualità. Purtroppo non sempre mi é possibile, ma cerco di farlo spesso, in modo da educare il mio bimbo affinché un giorno sappia riconoscere la differenza tra un prodotto non buono e uno buono.
Roberto, forse mi son perso qualcosa di te in qualche post, ma vedo che sei molto attenzionato a tutto ciò che é ALIMENTARE... é la tua professione oppure fa parte solo dei tuoi centri di interesse?

giocatore di tennis dopato alla 'nduja
Torna all'inizio della Pagina

roberto-archontids
Utente


Stato: Italy
Prov.: Messina
Città: barcellona p g


152 Messaggi

Inserito il - 18 mar 2014 : 18:26:02  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
lagunare ha scritto:

Roberto, il tuo discorso non fa una piega e si collega un po' ad un post di Paolo (mi pare) in cui si diceva che ormai la gente ha il palato ASSUEFATTO dai prodotti industriali. Questo processo porta addirittura la gente a scartare i prodotti di VERA OTTIMA qualità perché non corrispondono ai soliti gusti recepiti dal nostro palato dai prodotti industriali.
Io sono convinto che la nostra generazione debba fare uno sforzo incredibile per riportare in auge i VERI prodotti... noi abbiamo ancora avuto la fortuna di assaporare dei prodotti GENUINI (io nella mia infanzia/adolescenza), i nostri palati se li ricordano questi prodotti, ragion per cui dobbiamo fare il massimo per dare luce a questi prodotti e farli recepire alle nuove generazioni, affinché a loro volta possano tramandare alle generazioni future. Purtroppo resterà sempre un MERCATO di nicchia, ma non dobbiamo assolutamente farlo morire. Io nel mio piccolo cerco di veicolare i miei soldi nelle produzioni che mi paiono avvicinarsi il più possibile ad un prodotto di buona qualità. Purtroppo non sempre mi é possibile, ma cerco di farlo spesso, in modo da educare il mio bimbo affinché un giorno sappia riconoscere la differenza tra un prodotto non buono e uno buono.
Roberto, forse mi son perso qualcosa di te in qualche post, ma vedo che sei molto attenzionato a tutto ciò che é ALIMENTARE... é la tua professione oppure fa parte solo dei tuoi centri di interesse?

Sono uno chef che crede fermamente in ciò che fa...ci metto passione,amore e tanta dedizione...ho due bimbe anch'io e faró di tutto perché capiscano cosa è buono e cosa no!!
Torna all'inizio della Pagina

roberto-archontids
Utente


Stato: Italy
Prov.: Messina
Città: barcellona p g


152 Messaggi

Inserito il - 18 mar 2014 : 18:52:22  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Oggi sono stato invitato a "testare"alcune conserve di pomodoro(non posso menzionare il marchio perché oggi dopo aver espresso il mio pare...volevano linciarmi)prodotte in uno stabilimento qui in Sicilia ma commercializzate da un'azienda del centro Italia..
Trattasi di passata di pomodori "pachino"(detta loro),che ci potrebbe anche stare...purtroppo che io sappia Pachino rappresenta almeno 4 tipologie di pomodori con caratteristiche completamente differenti tra di loro...ma comunque faccio finta di essere stupido e vado avanti
Mentre in sala si decantavano le doti del suddetto pomodoro:gusto,maturato al sole,bla bla..leggo la scheda del prodotto:pomodoro,sedano?,carote?,destrosio?,estratto di cipolla?,basilico....ma se realmente partissimo da pomodori igp maturati al sole della nostra bella terra a che pro dovremmo usare tutti quegli accorgimenti nel tentativo di correggerne il gusto?
E poi perché correggere le tanto decantate qualità organolettiche del suddetto?misteri...

Torna all'inizio della Pagina

lagunare
SAC Esperto


Stato: France


68 Messaggi

Inserito il - 19 mar 2014 : 09:01:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ok ora capisco questo tuo attaccamento ai PRODOTTI alimentari.
E' da un po' che medito di fare un TOUR on the road in Sicilia, ma so anche che probabilmente lo farò tra qualche anno (magari 3) visto che aspettiamo una bimba e aspettiamo che cresca un po' prima di fargli fare delle vacanze itineranti.
Ad ogni modo, se ti va, scrivimi pure un messaggio privato indicandomi il ristorante dove lavori... quando verrò in Sicilia non esiterò di certo a passare a gustare qualcosa di buono

giocatore di tennis dopato alla 'nduja
Torna all'inizio della Pagina

roberto-archontids
Utente


Stato: Italy
Prov.: Messina
Città: barcellona p g


152 Messaggi

Inserito il - 19 mar 2014 : 14:26:23  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Mi farebbe immensamente piacere....
Ti ho mandato un messaggio privato
Torna all'inizio della Pagina

lagunare
SAC Esperto


Stato: France


68 Messaggi

Inserito il - 20 mar 2014 : 09:15:48  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Grazie Roberto, ti ho risposto.

giocatore di tennis dopato alla 'nduja
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Salumi Casalinghi Forum - il Forum dei Salumi fatti in Casa e della Norcineria Sperimentale © 2007-2021 - ALESSANDRO MORREALE, PAOLO SOSSAI e EREDI - http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,6 secondi Sossai.net | Snitz.it | Snitz Forums 2000